SOLECHESORGE

o Dio ti ringrazio perché non sono come gli altri uomini ...

ringraziare il "dio"

che sei tu stesso:

delirio.


comune.


attuale.


drasticamente umano,

per quell'uomo fariseo

che si vede spettatore

dell'umanità

peccatrice.


lui-io-tu

a spiare il peccato dell'altro

e

condannarlo.


il Dio di Gesù

ascolta con il cuore

il peccato dell'atroce peccatore

e lo guarisce.


peccato e peccatore,

corruzione e pubblicano

sono giustificati.


chi si vede amato dallo sguardo di misericordia

converte se stesso e le sue azioni

all'abbondanza di misericordia.


Gesù non è il giudice,

il critico della vicenda umana:

Gesù batte il petto

del peccatore pubblicano con la sua stessa mano.


e la vita è trasfigurata.


sabato III di quaresima

26.03.2022

dmc

Dal Vangelo secondo Luca Lc 18,9-14 In quel tempo, Gesù disse ancora questa parabola per alcuni che avevano l'intima presunzione di essere giusti e disprezzavano gli altri: «Due uomini salirono al tempio a pregare: uno era fariseo e l'altro pubblicano. Il fariseo, stando in piedi, pregava così tra sé: "O Dio, ti ringrazio perché non sono come gli altri uomini, ladri, ingiusti, adùlteri, e neppure come questo pubblicano. Digiuno due volte alla settimana e pago le decime di tutto quello che possiedo". Il pubblicano invece, fermatosi a distanza, non osava nemmeno alzare gli occhi al cielo, ma si batteva il petto dicendo: "O Dio, abbi pietà di me peccatore". Io vi dico: questi, a differenza dell'altro, tornò a casa sua giustificato, perché chiunque si esalta sarà umiliato, chi invece si umilia sarà esaltato».

Parola del Signore.



23 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti