SOLECHESORGE

non lo sono (sa dire giovanni)

Aggiornamento: 14 dic 2020

@solechesorge

Giovanni battista collocandosi nel deserto di un fiume in piena

sa farsi voce che si perde perché rimanga la parola,

sa farsi indicatore nella strada della conversione perché si sappia camminare ne “la via”,

sa indicare la luce quella vera che illumina senza farsi “la luce”.

Per essere testimone, l’ha fatto lui e lo chiede a noi, è vitale il saper attraversare il giordano.

È vitale abitare la conversione, andare al di là.

Andare al di là e andare oltre il giordano dove c’è il nemico,

c’è l’eresia, c’è la non fede dei padri, c’è l’assenza del tempio: lui ci va.

Andare al di là oltre lo sbarramento fisico ed ideologico per essere conversione.

Riconoscendosi nel non lo sono, lui afferma l’estraneità all’abitudine:

vede, indica e vive la novità evangelica.

Vennero da gerusalemme gli inviati dai capi,

ma non seppero gettare lo sguardo oltre.

Veniamo da culture omologate e non sappiamo più incontrare quella antistante a noi.

Non vediamo il regno.




cfr Gv 1,6-8.19-28

quadro con esploratori
esploratori - Moraldo Nicoliello

domenica III d’avvento dmc 13.12.20

122 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

attenti