SOLECHESORGE

non abbandonarci alla tentazione

"Ma anche nel tempo della prova suprema Dio non ci lascia soli.

Quando Gesù si ritira a pregare nel Getsemani, il suo cuore viene invaso da un’angoscia indicibile – così dice ai discepoli – ed Egli sperimenta la solitudine e l’abbandono.

Solo, con la responsabilità di tutti i peccati del mondo sulle spalle; solo, con un’angoscia indicibile.

La prova è tanto lacerante che capita qualcosa di inaspettato.

Gesù non mendica mai amore per sé stesso, eppure in quella notte sente la sua anima triste fino alla morte, e allora chiede la vicinanza dei suoi amici: «Restate qui e vegliate con me!» (Mt 26,38).

Come sappiamo, i discepoli, appesantiti da un torpore causato dalla paura, si addormentarono.

Nel tempo dell’agonia, Dio chiede all’uomo di non abbandonarlo, e l’uomo invece dorme.

Nel tempo in cui l’uomo conosce la sua prova, Dio invece veglia.

Nei momenti più brutti della nostra vita, nei momenti più sofferenti, nei momenti più angoscianti, Dio veglia con noi, Dio lotta con noi, è sempre vicino a noi.

Perché? Perché è Padre.

Così abbiamo incominciato la preghiera: “Padre nostro”.

E un padre non abbandona i suoi figli.

Quella notte di dolore di Gesù, di lotta sono l’ultimo sigillo dell’Incarnazione: Dio scende a trovarci nei nostri abissi e nei travagli che costellano la storia.

È il nostro conforto nell’ora della prova: sapere che quella valle, da quando Gesù l’ha attraversata, non è più desolata, ma è benedetta dalla presenza del Figlio di Dio.

Lui non ci abbandonerà mai!

Allontana dunque da noi, o Dio, il tempo della prova e della tentazione.

Ma quando arriverà per noi questo tempo, Padre nostro, mostraci che non siamo soli. Tu sei il Padre."

(p. Francesco, da udienza generale del 01.05.2019)


mercoledì XXVII del t.o.

05.10.2022

Vangelo

Signore, insegnaci a pregare.

Dal Vangelo secondo Luca Lc 11,1-4


Gesù si trovava in un luogo a pregare; quando ebbe finito, uno dei suoi discepoli gli disse: «Signore, insegnaci a pregare, come anche Giovanni ha insegnato ai suoi discepoli».

Ed egli disse loro: «Quando pregate, dite:

Padre,

sia santificato il tuo nome,

venga il tuo regno;

dacci ogni giorno il nostro pane quotidiano,

e perdona a noi i nostri peccati,

anche noi infatti perdoniamo a ogni nostro debitore,

e non abbandonarci alla tentazione».

Parola del Signore.


30 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti