SOLECHESORGE

nessuno le strapperà dalla mia mano

«Finalmente arriva la normalità», ma quale normalità?

Quella di prima?

Non eravamo

«convinti di essere sani in un mondo malato»?

In questo «nuovo» tempo liturgico,

triduo pasquale dilatato in trimestralità,

profezia attuale dell'ultimo giorno,

Signore sì, Ti abbiamo incontrato.

Nella nudità dei segni,

nella assenza dei clamori,

nella silenziosità della Parola orante,

nella dialogante famiglia.

Abbiamo sentito l'afferro

della Tuo mano,

eppure vogliamo tornare

alla normalità della norma: la nostra.

Norma la nostra: sfuggevolmente imponente,

incredibilmente realistica, solidamente liquida,

potentemente debole, iniquamente giusta,

fraternamente divisiva.

Norma, Tu legge d'esistenza.

Norma, Tu legge d'incontro.

Norma, Tu legge di dialogo.

Norma, Tu legge di concretezza.

Nessuno ci strapperà.

Ti credo.

martedì IV di pasqua

0 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

attenti