SOLECHESORGE

molti infatti verranno nel mio nome dicendo “Sono io”


Il tempio di Gerusalemme, una delle meraviglie dell’antichità. La sapienza e l’ingegneria umana costruirono lo splendore: belle pietre, ori, stucchi, legni, marmi, tessuti il tutto arricchito da doni votivi. Non sarà lasciata pietra su pietra che non sarà distrutta, e fu facile per Lc scrivere la profezia di Gesù: tutto nel 70 dc. fu storicamente ed effettivamente distrutto dai Romani.


Quest’ultimi apparvero anch’essi all’orizzonte dell’umanità come salvatori e pacificatori e tutori del diritto, anch’essi dicevano “sono io”. Che sappiamo essere il nome di Dio, così come si è rivelato a Mosè e come Gesù ha detto di sé. E, mentre imponevano il loro divo, toglievano la vita.


Conquistavano distruggendo, ricostruivano imponendo la pax romana, sembrava tutto eterno! Eppure finirono loro e il loro “miracolo“: “dopo la caduta di quel miracolo politico che è stato l'Impero romano” (C. Augias). Urlavano Pace e Sicurezza, e obbligavano alla deferenza. Così, ancora ai giorni nostri, molti coloro che urlano nelle piazze la loro forza distruttrice del male e come illudono i semplici a seguirli, per sperimentare la loro libertà. Nuova dittatura.


E siamo alla guerra e siamo all’antagonismo e siamo alla crisi globale: energetica, commerciale, politica, ambientale, umanitaria! Ma non è subito la fine, Gesù lo sottolinea, le pietre del tempio sono cadute, le belle pietre del tempio, ogni realtà umana si corrompe per il nostro peccato, ma non è subito la fine.


Ancora altrimenti Dio, ancora l’altrimenti di Dio. Secoli di storia sottopongono alla nostra coscienza la scelta vera: avere l’occasione di dare testimonianza alla verità in cui crediamo, per cui crediamo. La verità di Cristo Signore, redentore unico dell’uomo e di tutto l’uomo. Credere nella verità dell’uomo, peccatore e infinitamente bisognoso di cura. In nome di Cristo.


Il tempio è distrutto. Gesù è risorto. La speranza abita i cuori purificati dall’odio e dal (dis)gusto del potere. Non è la fine. La perseveranza della mitezza trasfigura la vendetta e Cristo spalanca sepolcri.


Non sapete che siete tempio di Dio e che lo Spirito di Dio abita in voi? Se uno distrugge il tempio di Dio, Dio distruggerà lui. Perché santo è il tempio di Dio, che siete voi. (1Cor 3,16-17) Paolo accoratamente ci sprona a convertire lo sguardo: abbandonando l’idolatrare le cose e abbracciando lo sforzo di accorgersi che l’umano è il tempio di Dio.


Il grande inganno, il pericolo evidente, il dramma personale e collettivo è porre fiducia nell’urlatore di turno, quello che più forte e quello che più artificiosamente dice “sono io”. Ci vuole coraggio e tanta preghiera, sì lo dico convinto, tanta preghiera, per accorgersi dell’inganno.


Attraverso la metodica costruzione del consenso l’ipocrita messia, e Gesù ci ha detto che ne verranno molti, ha la diabolica forza di mettere alla berlina il dissenziente, coinvolgendo anche le persone a lui care, fino a farlo uccidere. Gesù dice di rallegrarsi. Nemmeno un capello andrà perduto.


Tu di chi ti fidi? Mi fido e vivo in lui. Speranza nostra.




XXXIII domenica del tempo ordinario (c)

13.11.2022


Acclamazione al Vangelo Alleluia, alleluia.

Risollevatevi e alzate il capo, perché la vostra liberazione è vicina. (Lc 21,28)

Alleluia.


Vangelo

Con la vostra perseveranza salverete la vostra vita.

Dal Vangelo secondo Luca Lc 21,5-19 In quel tempo, mentre alcuni parlavano del tempio, che era ornato di belle pietre e di doni votivi, Gesù disse: «Verranno giorni nei quali, di quello che vedete, non sarà lasciata pietra su pietra che non sarà distrutta». Gli domandarono: «Maestro, quando dunque accadranno queste cose e quale sarà il segno, quando esse staranno per accadere?». Rispose: «Badate di non lasciarvi ingannare. Molti infatti verranno nel mio nome dicendo: “Sono io”, e: “Il tempo è vicino”. Non andate dietro a loro! Quando sentirete di guerre e di rivoluzioni, non vi terrorizzate, perché prima devono avvenire queste cose, ma non è subito la fine». Poi diceva loro: «Si solleverà nazione contro nazione e regno contro regno, e vi saranno in diversi luoghi terremoti, carestie e pestilenze; vi saranno anche fatti terrificanti e segni grandiosi dal cielo. Ma prima di tutto questo metteranno le mani su di voi e vi perseguiteranno, consegnandovi alle sinagoghe e alle prigioni, trascinandovi davanti a re e governatori, a causa del mio nome. Avrete allora occasione di dare testimonianza. Mettetevi dunque in mente di non preparare prima la vostra difesa; io vi darò parola e sapienza, cosicché tutti i vostri avversari non potranno resistere né controbattere. Sarete traditi perfino dai genitori, dai fratelli, dai parenti e dagli amici, e uccideranno alcuni di voi; sarete odiati da tutti a causa del mio nome. Ma nemmeno un capello del vostro capo andrà perduto. Con la vostra perseveranza salverete la vostra vita». Parola del Signore.



14 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

salva te stesso