SOLECHESORGE

Matteo seduto al banco dell'imposte

Ingiusto e disonesto,

estorsore e pubblicano:

Matteo.


Seguimi.


Chiamato dall'operare

la truffa

a seguire la benevolenza.


Seguimi.


Quanto

è difficile

comprendere e vedere in azione

la volontà di misericordia.


Seguimi.


Giusto e onesto,

generoso e discepolo

accade che si diverrà

per mancanza di sacrifici.


Seguimi.


Imparerò

l'amare

perché già sarò amato.


Andando.




s. matteo apostolo ed evangelista

mercoledì 21.09.2022


Alleluia, alleluia. Noi ti lodiamo, Dio, ti proclamiamo Signore; ti acclama il coro degli apostoli. Alleluia.

Vangelo Non sono venuto a chiamare i giusti, ma i peccatori.

Dal Vangelo secondo Matteo Mt 9.9-13 In quel tempo, mentre andava via, Gesù vide un uomo, chiamato Matteo, seduto al banco delle imposte, e gli disse: «Seguimi». Ed egli si alzò e lo seguì. Mentre sedeva a tavola nella casa, sopraggiunsero molti pubblicani e peccatori e se ne stavano a tavola con Gesù e con i suoi discepoli. Vedendo ciò, i farisei dicevano ai suoi discepoli: «Come mai il vostro maestro mangia insieme ai pubblicani e ai peccatori?». Udito questo, disse: «Non sono i sani che hanno bisogno del medico, ma i malati. Andate a imparare che cosa vuol dire: “Misericordia io voglio e non sacrifici”. Io non sono venuto infatti a chiamare i giusti, ma i peccatori».

Parola del Signore.


20 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

attenti