SOLECHESORGE

il Padre mio è l'agricoltore

Aggiornamento: 25 lug

Governati da il Padre

agricoltore.


Proprietario di vigne

fruttifere

per versare vini succulenti

sulle tavole dell'umanità.


Dio della gioia,

operatore di festosità.


Noi tralci troppe volte inariditi

egoisticamente sterili.


E lui pota

per continuare a darci

ebbrezza di carità.




sabato XVI del tempo ordinario

santa brigida di svezia

dmc 23.07.2022


Alleluia, alleluia. Rimanete nel mio amore, dice il Signore,

chi rimane in me, e io in lui, porta molto frutto. (Gv 15,9b.5b) Alleluia.

Vangelo Chi rimane in me e io in lui porta molto frutto.

Dal Vangelo secondo Giovanni Gv 15,1-8

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Io sono la vite vera e il Padre mio è l’agricoltore. Ogni tralcio che in me non porta frutto, lo taglia, e ogni tralcio che porta frutto, lo pota perché porti più frutto. Voi siete già puri, a causa della parola che vi ho annunciato. Rimanete in me e io in voi. Come il tralcio non può portare frutto da se stesso se non rimane nella vite, così neanche voi se non rimanete in me. Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me, e io in lui, porta molto frutto, perché senza di me non potete far nulla. Chi non rimane in me viene gettato via come il tralcio e secca; poi lo raccolgono, lo gettano nel fuoco e lo bruciano. Se rimanete in me e le mie parole rimangono in voi, chiedete quello che volete e vi sarà fatto. In questo è glorificato il Padre mio: che portiate molto frutto e diventiate miei discepoli».

Parola del Signore.



27 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti