SOLECHESORGE

il Figlio dell'uomo


Il Figlio

appeso

inchiodato

sulla croce.


Disceso

dall'Eterno pensiero

di vita,

per dover essere

ucciso nella morte.


Discendendo

ascese sulla croce.


La cieca fede dei padri,

per legge dei padri,

estromette dalla vita,

chi la vita è.

Fede omicida.

Scelta per autorità.


Nicodemo ebbe il coraggio,

nonostante la sua autorità,

di divinizzare la sua fede:

oltre l'orizzontalità della norma.

Amò

il mistero.


Vide la luce della fede

oltre il buio della condanna,

oltre la notte della colpa,

oltre l'ignoto Dio,

vide la carne di Dio.


Vide la carne di Dio,

alternativa eterna

all'idolo religioso.


E la condanna

si trasfigura

in salvezza:

l'invece di Dio.




esaltazione della santa croce

mercoledì XXIV tempo ordinario

14.09.2022

dmc


Alleluia, alleluia. Noi ti adoriamo, o Cristo, e ti benediciamo,

perché con la tua croce hai redento il mondo. Alleluia.

Vangelo Bisogna che sia innalzato il Figlio dell'uomo.

Dal Vangelo secondo Giovanni Gv 3,13-17 In quel tempo, Gesù disse a Nicodèmo: «Nessuno è mai salito al cielo, se non colui che è disceso dal cielo, il Figlio dell’uomo. E come Mosè innalzò il serpente nel deserto, così bisogna che sia innalzato il Figlio dell’uomo, perché chiunque crede in lui abbia la vita eterna. Dio infatti ha tanto amato il mondo da dare il Figlio unigenito, perché chiunque crede in lui non vada perduto, ma abbia la vita eterna. Dio, infatti, non ha mandato il Figlio nel mondo per condannare il mondo, ma perché il mondo sia salvato per mezzo di lui».


Parola del Signore.



28 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

attenti