top of page

SOLECHESORGE

Erode si informava sul luogo in cui doveva nascere il Cristo

Quanti studi, quante ricerche, quante analisi, re e sacerdoti, dottori della legge e religiosi a cercare tra le loro competenze la divinità che sia a loro immagine e somiglianza. Una divinità che sia controllata e che si lasci controllare dal potere. Una divinità per i consumatori del sacro.


Ma il Cristo è diverso, è scomodo, è oltre. È dove non credo possa esserci. È la stella che indica un cammino di liberazione. È un bambino con Maria sua madre in una casa.


I Magi, che venivano da lontano, si sono lasciati scomodare da una stella che inseguivano per trovare la gioia. Una stella strana che va da nord a sud, impossibile per chi conosce l’astronomia -le stelle si “muovono” da est a ovest-, ma possibile per chi cerca la Stella della vita. Non un astro visibile da telescopi, un astro visibile agli occhi del cuore: quello che sorge dall’alto (Lc 1,78), quello del popolo che camminava nelle tenebre ha visto una grande luce; su coloro che abitavano in terra tenebrosa una luce rifulse. (Is 9,1). Una gioia che abita luoghi lontani e tenebrosi…


Dove abita la gioia? Anche Erode si informava dove abitasse, e storicamente se ne vide l’esito: la strage degli innocenti. L’Erode, metafora e paradigma di ogni umano tiranno, trasformerà la sua ricerca in violenza e strage. Ciò che non riesco a dominare, a possedere, a controllare lo elimino.


Anche culturalmente, ciò che non conosco elimino piuttosto che comprenderlo. I Magi invece si scomodano, si mettono alla ricerca, camminano nelle notti per scoprire albe differenti: la stella della gioia. Senza violenza, senza saccenza, senza immobilismo. Si mettono in viaggio fino a tornare per un’altra strada.


Stupendo. I Magi, pagani devoti di divinità politeistiche e plasmate da mani d’uomo, non hanno intelligenza coloro che portano un loro legno scolpito e pregano un dio che non può salvare (Is 45,20), scomodano le lore sicumere e cercano la gioia. La troveranno, vedranno spuntare la stella della gioia entreranno in una casa si prostreranno e baceranno (adorare, portare alla bocca) un bambino in braccio a sua madre.


Giuseppe, il pio israelita, uomo giusto seppe vedere nel grembo di Maria, la sua sposa, il Dio che si fa carne; i Magi, gli uomini dall’oriente lontano, ignari della tradizione dei padri, seppero vedere Dio in un bambino.


Scomodati dal Dio scomodo, Giuseppe e Magi, entreranno nel mistero di Dio. Cambieranno strada, cambieranno i progetti della loro vita, lasceranno che il “progettista” plasmi e trasfiguri la loro vita.


Erode, tutti i capi dei sacerdoti e gli scribi, nelle loro accomodate paurose certezze, reagiranno unicamente con sentenze di morte a chi tenterà di mostrare l’altrimenti Dio. Lo faranno a Dio stesso. Uccideranno il re dei Giudei, perché il suo regno non è di questo mondo (cfr Gv 18,36), il regno di questo mondo è armato. Dio è un bambino disarmato in braccio a sua madre.


I Magi, sognatori, colmi di de-sideri (dalle stelle), sapienti che sanno con-siderare (con le stelle), vedranno Dio perché avranno saputo lasciarsi scomodare. Dalle certezze alla fede, dalle sicumere alle sicurezze di percorsi indicati dalla stella: Gesù il Cristo. Ma questi percorsi porteranno in sé la meraviglia e lo stupore di non aver termine, non aver fine: per altra strada fecero ritorno. Dio scomodo. Vita piena.




epifania del signore

messa del giorno

solennità

06.01.2023





Acclamazione al vangelo

Alleluia, alleluia.

Abbiamo visto la sua stella in oriente

e siamo venuti per adorare il Signore. (Cf. Mt 2,2)

Alleluia.


Vangelo

Siamo venuti dall'oriente per adorare il re.

Dal Vangelo secondo Matteo

Mt 2,1-12

Nato Gesù a Betlemme di Giudea, al tempo del re Erode, ecco, alcuni Magi vennero da oriente a Gerusalemme e dicevano: «Dov'è colui che è nato, il re dei Giudei? Abbiamo visto spuntare la sua stella e siamo venuti ad adorarlo». All'udire questo, il re Erode restò turbato e con lui tutta Gerusalemme. Riuniti tutti i capi dei sacerdoti e gli scribi del popolo, si informava da loro sul luogo in cui doveva nascere il Cristo. Gli risposero: «A Betlemme di Giudea, perché così è scritto per mezzo del profeta: "E tu, Betlemme, terra di Giuda, non sei davvero l'ultima delle città principali di Giuda: da te infatti uscirà un capo che sarà il pastore del mio popolo, Israele"».

Allora Erode, chiamati segretamente i Magi, si fece dire da loro con esattezza il tempo in cui era apparsa la stella e li inviò a Betlemme dicendo: «Andate e informatevi accuratamente sul bambino e, quando l'avrete trovato, fatemelo sapere, perché anch'io venga ad adorarlo».

Udito il re, essi partirono. Ed ecco, la stella, che avevano visto spuntare, li precedeva, finché giunse e si fermò sopra il luogo dove si trovava il bambino. Al vedere la stella, provarono una gioia grandissima. Entrati nella casa, videro il bambino con Maria sua madre, si prostrarono e lo adorarono. Poi aprirono i loro scrigni e gli offrirono in dono oro, incenso e mirra. Avvertiti in sogno di non tornare da Erode, per un'altra strada fecero ritorno al loro paese.

Parola del Signore.


14 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page