SOLECHESORGE

entrando da lei

L’angelo irrompe nell’intimo di maria. “Dobbiamo essere pronti a farci interrompere da dio” così si esprimeva dietrich bonhoeffer e così, per me, la prontezza di maria a farsi interrompere è vertigine di concretezza. Una ragazza, la più bella -miriam-, nella sua adolescenza sa farsi interrompere nei suoi progetti. Nel suo futuro. Nei suoi amori.


Una ragazza nel pieno della sua adolescenza sa offrire uno spazio -lo spazio- se stessa all’invisibile ma non-impossibile dio. Lei sa dare un senso a parole udite dentro che la interrompono nei sui propositi, sa dare un senso alla voce del messaggero grande (arcangelo) gabriele: “completa la tua gioia, sovrabbondante di grazia”, perché sei capace di donare te stessa a dio.


Lei dono al dio che si dona. Lei grazia a dio.


La grazia è l’amore che sempre anticipa, kekaritomene sovrabbondante-di-grazia è il nuovo nome che il padre dona a maria. Come in ogni vocazione biblica dio, padre e figlio, cambia nome a chi si fida della sua voce (abram abramo, sarai sara, giocobbe israele, mia sposa e mio popolo (cfr osea), simone pietro…) così maria realizza la vocazione nuova: piena-di-grazia dice della completezza di dio nella carne di una donna. Vocazione universale alla santità.


E così maria-piena-di-grazia nella sua vocazione eterna, da sempre e per sempre, subito ridona a dio la grazia che dio ha già trovato in lei. Anche questo è vertigine: lei fa la grazia a dio di se stessa. Anticipa in se stessa tutti i sì del mondo. Sovrabbondante-di-grazia attraverso il sì pieno, certo, fedele eppure non preservata, non privata dell’umano dolore, dell’umano soffrire, dell’umano pellegrinare nella fede e nel dubbio.


Santità incarnata. Concretezza di vita realizzata. Verità di se stessa negl’incongruenti dubbi e nelle incongruenti vicende esistenziali: “non conosco uomo”, la grotta a betlemme, “una spada trafiggerà la tua anima”, la fuga in egitto, “tuo padre ed io ti cercavamo”, “chi è mia madre…?”.


Verità di se stessa condizionata attraverso la permanente verginità, cioè capace di essere sempre pronta a farsi interrompere. Novità di vita sempre. Ecco che l’angelo entra da lei. Pur nello sconcerto “non temere” si lascia interrompere. È ed ha la pienezza della gioia.


Se allora ad un’adolescente è stato non-impossibile, allora è non-impossibile anche per me, per te, amica ed amico, per noi adolescenti nella fede, imparare a fidarci di chiamate che, nel quotidiano, ci interrompono.


L’irruzione di dio che mi chiama a (dis)trarmi dalle faccende private per trarmi in faccende di grazia, faccende di condivisione, sembra non-impossibile anche per me, per te. Sempre. E accade che l’egoismo, ventre gravido di indifferenza, è distrutto. Verginità rinnovata. Aborto di egoismo, gravidanza di umanizzazione.


Maria-sovrabbondante-di-grazia ci indica questa non-impossibilità. Ci educa al sì, che sempre converte. Ci guida per cammini non-impossibili in cui le interruzioni per i lavori in corso (crisi) divengono il luogo di incontro con l’irruente dio, che entra nella carne di ogni personale storia.


Lasciamoci entrare. Nuovo umanesimo sarà.


Buona festa.

immacolata concezione della beata vergine maria

dmc 08.12.2020




Acclamazione al Vangelo

Alleluia, alleluia.

Rallegrati, piena di grazia, il Signore è con te,

benedetta tu fra le donne. (cfr. Lc 1,28)

Alleluia.

Vangelo

Ecco, concepirai un figlio e lo darai alla luce.

Dal Vangelo secondo Luca Lc 1, 26-38

In quel tempo, l'angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: «Rallègrati, piena di grazia: il Signore è con te».

A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. L'angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù.

Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell'Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine».

Allora Maria disse all'angelo: «Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?». Le rispose l'angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell'Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch'essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: nulla è impossibile a Dio».

Allora Maria disse: «Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola».

E l'angelo si allontanò da lei. Parola del Signore






122 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti