SOLECHESORGE

avete mangiato di quei pani e vi siete saziati

@solechesorge



…soluzione miracolistica: avere senza essere.

Avere senza coscienza di essere.

Avere il pane senza essere pane,

cioè ottenere senza fatica ciò che, invece,

con caparbietà e con determinazione potremmo essere: dono per.

Per gli altri.

Ma una volta ricevuto il dono dobbiamo sganciarlo dal nostro possesso e capire il perché ci è stato donato.

Per interiorizzarlo, per portarlo a conoscenza della nostra individuale coscienza, per renderci conto che siamo chiamati alla vita per vivere relazioni umane e fraterne, per consapevolizzare che abbiamo necessità di tradurre la nutrizione corporale in nutrizione intellettuale.


Nutrizione di senso, carità intellettuale diceva Rosmini “aiutare la coscienza degli uomini di oggi a recuperare il senso globale e trascendentale dell’esistenza”.





cfr Gv 6,24-35

XVIII domenica tempo ordinario

dmc 01.08.21

24 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

attenti